lunedì 31 luglio 2017

OCCORRE UN GOVERNO MILITARE DI SALUTE PUBBLICA

E' ora di preparare il patibolo







È giusto che ciò avvenga. I politici che si sono resi responsabili di grave combutta finalizzata ai profitti di accoglienza in favore di immigrati clandestini, senza titolo per essere rifugiati, vanno processati e condannati anche per grave malversazione del pubblico danaro, truffa in concorso, oltre che per grave disastro demografico. Grave monito dev'essere dato al Bergoglio, che a capo del Vaticano si è preso la libertà di introitare musulmani e africani con pretesa di accoglienza a carico dell'Italia: il Vaticano deve restare nel suo ambito, senza ingerenze gestionali nello stato italiano. A Cesare quel che è di Cesare.

Antonio Socci: "Il problema dell'Italia è che non ha ... - Libero Quotidiano

www.liberoquotidiano.it/news/politica/.../antonio-socci-italia-manca-macron.html
1 giorno fa - Antonio Socci: "Il problema dell'Italia è che non ha un Macron" ... Mentre il generale Marco Bertolini rappresenta una sensibilità che il centrodestra può trovare più affine. ... Nel 2008 ha assunto l' incarico di Capo di Stato Maggiore del Comando 

Rischiano la corte marziale





I generali contro il governo, pronti a fermare l'invasione. Ecco i nomi dei generali dell’Esercito italiano infuriati con il Governo, per l’emergenza immigrazione, che si sono detti disponibili a mettere in campo le proprie competenze per mettere fine alla crisi migratoria. Comincia a tirare una brutta aria per Renzi, Gentiloni, Boldrini & C. Tre generali, non tre qualsiasi ma tre monumenti viventi delle nostre FFAA, hanno espresso giudizi pesantissimi. Per primo il Generale dei paracadutisti Renato Perrotti, secondo il quale lo ius soli ” …sarebbe una catastrofe. ” L’Italia diventerebbe un inferno afro-islamico…”

Continua a leggere...»

domenica 30 luglio 2017

DUE GRANDI TRADITORI

L'uno ha tradito l'Italia vendendola agli invasori per 80 danari da dare agli italiani che avessero uno stipendio non superiore a 1500 euro (salvo poi richiederli in restituzione se avessero superato anche di un euro tale cifra), e ciò sperando di guadagnarsi un bel pacco di voti anche per rovinare la Costituzione trasformandola a suo uso e consumo come un abito confezionato su sua misura da un sarto. E' un mendace che aveva promesso di sparire per sempre se non fosse passata la schiforma della Costituzione. Ma poiché è uno che nella vita non ha mai fatto un cazzo ha deciso di fare della politica tutto ciò che non sa fare se non usandola per soddisfare solo il egotismo. Ora dice che bisogna abbassare le tasse,  ma in tre anni di sgoverno non le ha mai abbassate, e, anzi, ha venduto agli invasori l'Italia per 80 danari nascondendo il patto scellerato che prevedeva che a compensazione dell'accoglimento degli invasori da parte dell'Italia l'UE gli permettesse di sforare il bilancio per la copertura degli 80 euro, aumentando così il deficit, perché questo patto scellerato costa all'Italia ancor oggi almeno 5 miliardi  ogni anno, con la conseguenza di un aumento delle tasse per mantenere un esercito di nullafacenti a carico dei contribuenti. Con quale faccia da culo adesso promette che abbasserà le tasse. Un grande traditore dell'Italia che dovrebbe stare nel IX cerchio dell'Inferno, quello, appunto, dei traditori della patria (Inferno, XXXII) . 
E con lui dovrebbe starci un altro grande traditore, l'attuale papa, traditore dei Vangeli perché persegue un dialogo interreligioso con i musulmani, il cui Corano, predicatore della violenza anche contro i cristiani, ritenuti eretici a causa della trinità, è agli antipodi della predicazione evangelica.  Anche lui è un traditore della patria, in quanto la Chiesa di Cristo dovrebbe essere la sua patria.  

sabato 29 luglio 2017


Cosa diranno di Renzi gli storici del futuro?










"Renzi è un ex boy-scout traditore da mettere al muro e fucilare nella schiena". Parole durissime quelle scritte da Aldo Grandi, direttore della testata online La Gazzetta di Lucca, in un articolo. Lui ha spiegato che si trattava di una frase metaforica, ma il caos è scoppiato lo stesso. I democratici della Toscana hanno puntato il dito contro Grandi. Che ha replicato: "Ogni volta che qualcuno afferma qualcosa che non è di gradimento al Pd e alla sua pretesa volontà di egemonizzare cultura e politica di questo Paese, si ricorre all’appellativo di fascista. Credo che i miei libri siano la testimonianza che di fascismo non c’è assolutamente traccia in tutto ciò che ho prodotto in questi anni. Ritengo che la mia frase relativa alla fucilazione alla schiena, ovviamente metaforica, vada riservata a coloro che, nei confronti del proprio Paese, si comportano da traditori”. E ancora: "Se Matteo Renzi e il Pd ritengono di sentirsi offesi per questa chiamata in causa sono pronto ad affrontarli, metaforicamente, in dibattito, se preferiscono in "duelli", in qualunque momento vorranno”.
        

sabato 29 luglio 2017

EDUCARE L'UMANITA' ALLA GUERRA CONTRO L'ANTROPOCENTRISMO

Ricevo in allegato da Bailador.org un testo di Franco Libero Manco intitolato EDUCARE L'UMANITA' ALLA PACE. Ho capovolto il titolo perché il termine pace è stato sempre abusato senza produrre frutti. La pace indica un atteggiamento di passività pur nel suo propagandare la pace. E' un termine che sa tanto di utopia. Nella storia si vince o si perde solo con la guerra. Pertanto è con la guerra contro l'antropocentrismo e a favore del biocentrismo che si possono ottenere dei risultati. Non serve ad alcunché educare alla pace se vi è sordità da parte della maggioranza sorda ad ogni tema che riguardi il biocentrismo. Bisogna combattere attivamente boicottando ogni tradizione che fa capo all'ignoranza e agli interessi di coloro che sfruttano economicamente la morte degli animali. E' invece la guerra attiva che può indurre gli ignoranti a capire di essere vittime dei loro sfruttatori nel cercare di conservare tradizioni alimentari nocive perché fondate sul consumo della carne. Incominciando a boicottare la pubblicità di prodotti delle industrie che fanno riferimenti alla carne, come la famosa Simmenthal o la Manzotin. Notare poi che Franco Libero Manco ha estratto alcuni passi del Genesi in cui il sanguinario dio ebraico sembra richiedere una dieta vegetariana se non addirttura vegana. Franco Libero Manco ha evitato ciò che il dio ebraico dice  a Noè dopo il diluvo universale: avrai il dominio su tutti gli animali, di terra, di mare e di cielo, ed essi dovranno avere terrore di te. Franco Libero Manco  ha impiegato un vangelo apocrifo di origine attribuita agli Esseni (notoriamente vegetariani) in cui Gesù viene presentato come vegetariano. E tale è stata la tesi storicamente infondata ma espressa da Benedetto  XVI nel suo libro Gesù di Nazareth. A questo libro bisogna contrapporre il documentatissimo libro di Uta Ranke-Heinemann Così non sia. Introduzione al dubbio di fede, dove si dimostra che l'ultima cena fu una cena pasquale intesa in senso ebraico, cioè fondata sull'uccisione dell'agnello. Non poteva essere eletto papa  un papa peggiore di quello attuale. Giuste le parole di Paolo Ricci (in Bailador.org):
COME AVETE POTUTO IMMAGINARE CHE UN PAPA ARGENTINO POTESSE ANCHE LONTANAMENTE PRENDERE A CUORE IL PROBLEMA DELLA SOFFERENZA ANIMALE?
LA QUANTITÀ DELLA CARNE CONSUMATA IN ARGENTINA EQUIVALE A 2,67 MILIONI DI TONNELLATE, I BOVINI MASSACRATI OGNI ANNO SONO 11 MILIONI E 800MILA, L’EXPORT È CRESCIUTO, NEI PRIMI SEI MESI DEL 2017, DEL 117% .
COME AVETE POTUTO IMMAGINARE UN’APERTURA DI BERGOGLIO  VERSO IL NON UMANO?      
Libero Manco ha trascurato i Vangeli canonici (gli unici che contano per la Chiesa) dove vi è la parabola del vitello più grasso per far festa quando ritorna il figliol prodigo, dove l'ultima cena fu in effetti una cena pasquale, cioè a base di carne di agnello, dove Gesù assume come apostoli dei pescatori e induce alcuni di essi a tornare sul lago perché tornino poi con le reti piene di pesce, dove vi è il miracolo della moltiplicazone dei pani e dei pesci, dove non vi è mai stata una condanna della tradizione del tempio, che era in realtà un grande mattatoio. Franco Libero Manco propaganda un sincretismo religioso, ma vi è da notare che egli giustamente esclude dall'elenco l'islamismo. Ne tace pur senza attaccarlo. Forse ne ha paura. Ma così non si predica la pace. Tutto ciò premesso riporto alcune parti del libro di Libero Manco che mi sono parse le più concrete.         

ASPETTO RELIGIOSO



            Nella visone religiosa, il cui il fine è il Regno di Dio sulla terra, la pacifica ed armoniosa convivenza tra l’uomo e gli altri esseri viventi è condizione imprescindibile dal momento che nel Paradiso non potrebbe trovare giustificazione il sistematico massacro di milioni di nostri fratelli animali per soddisfare gli appetiti, la vanità e l’egoismo degli uomini.



Un Dio giusto e misericordioso non può non condannare la sofferenza e la morte delle sue creature. Infatti nella Bibbia in Genesi 1,29 Dio dà all’uomo il chiaro comando ad essere vegani: “Ecco, io vi do ogni erba che produce seme ed ogni albero in cui è frutto saranno il vostro cibo, mentre agli animali do la verde erba dei campi”. A sostegno di quanto detto si riportano gli stralci dalla Bibbia inerenti il rispetto dovuto agli animali. “Ecco, io sono il Signore di ogni essere vivente. (Ger. 32,27).” “La sorte degli uomini e quella degli animali è la stessa…Non esiste superiorità dell’uomo rispetto agli animali perché tutto è vanità” (Quoelet 3,19). “Fino a quando sarà in lutto la terra e seccherà tutta l’erba dei campi? Per la malvagità dei suoi abitanti le fiere e gli uccelli periscono” (Ger.12,4).



Ed infine va ricordato che Gesù istituì l’Eucaristia con il pane ed il vino, non con il pane e la carne e che nei Vangeli apocrifi Gesù invita al rispetto e alla misericordia verso gli animali condannando duramente ogni violenza nei loro confronti: “Maledetti siano i cacciatori perché saranno a loro volta cacciati”. (Vangelo Esseno della Pace). E ancora: “Siate rispettosi e compassionevoli verso tutte le creature. Sono venuto per porre fine ai sacrifici e ai banchetti di sangue e se non smetterete di offrire e di mangiare carne l’ira divina non si allontanerà da voi”. Inoltre Gesù rimprovera aspramente i pescatori: “Forse che i pesci vengono a voi a chiedere la terra e i suoi cibi? Lasciate le reti e seguitemi”. A conferma di quanto suddetto S. Girolamo scrive: “Dopo che Cristo è venuto non è più consentito mangiare la carne”. E Porfirio aggiunge: “Gesù ci ha portato il cibo divino, il cibo carneo è nutrimento per i demoni”.  E S. Gregorio di Nazianzo conferma: “Mangiare carne è un’ingiustizia abominevole”.



            Tutte le grandi religioni considerano determinante, ai fini dell’elevazione spirituale e della salvezza dell’anima, il rispetto per gli animali e l’astinenza dalla carne. Se lo scopo della vita è quello di raggiungere le più alte dimensioni spirituali, il sentimento di carità e di condivisione che abbraccia non solo l’uomo ma ogni essere vivente è, sotto l’aspetto morale e spirituale più elevato di qualunque sentimento limitato alla sola specie umana.



ASPETTO SOCIALE



La progressiva conquista della democrazia si è attuata nel corso dei millenni in virtù dell’estensione dei diritti inizialmente prerogativa dei potenti. Estendere il diritto al rispetto, alla libertà e alla vita dall’uomo ad ogni essere senziente significa superare l’anacronistica ed involutiva cultura antropocentrica e superare la lunga fase storica della violenza non solo tra gli esseri umani ma tra questi ed il resto del creato. Infatti la violenza contro gli animali è il tirocinio per ogni crudeltà anche nei confronti dell’uomo. Finché gli uomini sfrutteranno ed uccideranno gli animali essi non cesseranno neppure di sfruttarsi ed uccidersi tra loro. Solo il rispetto della diversità, la valorizzazione della sacralità della Vita, l’amore per tutte le cose può far maturare nell’uomo quella nuova coscienza umana che gli consentirà di realizzazione un mondo migliore.



ASPETTO ANTROPOLOGICO



L’anatomia comparata, l’istintologia, l’immunologia, la neurofisiologia, confermano che l’essere umano è un animale non onnivoro, né tantomeno carnivoro, ma fruttariano come i primati al cui ordine appartiene i quali hanno un apparato masticatorio e digerente simile al nostro, assai diverso da quello degli animali carnivori. Ogni organismo vivente è programmato dalla natura per cibarsi con un determinato e specifico alimento. La sostituzione di tale “carburante” con un altro non adatto produce gli stessi effetti al motore di un’automobile a benzina che si vuole far funzionare a gasolio. Significativo è anche il fatto che la vita media dei mammiferi (alla cui classe l’uomo appartiene) è circa 7 volte il periodo del suo sviluppo fisico. Quindi l’essere umano dovrebbe vivere 130-140 anni: età raggiunta solo dalle popolazioni a regime vegetariano.



            I nostri progenitori, dopo circa 3 milioni di anni di regime vegetariano, a causa delle mutazioni climatiche dovute alla glaciazione nel Pleistocene, le foreste si trasformarono in savane e si adattarono a vivere di sciacallaggio inserendo nella loro dieta anche la carne nella percentuale del 20-30%, restando quindi, anche in quel periodo, sostanzialmente, vegetariani. Ma a causa della presenza della carne nella dieta dell’uomo preistorico la lunghezza della vita media si accorciò quasi del 50% per tornare a risalire 10 mila anni fa circa con la scoperta dell’agricoltura. Da allora ad oggi l’alimento carneo è stato visto come uno status symbol possibile solo alle persone facoltose, per questo si riscontra nella gente comune una fame ancestrale di carne.



Con il boom economico del 1960 tutti hanno avuto la possibilità di mangiare quantitativi enormi di carne con un aumento del consumo procapite del 130%. La conseguenza è stata un’esplosione di malattie croniche e degenerative mai registrate prima nella popolazione. Infatti ai primi del 900 solo una persona su 100 moriva di cancro, oggi ne muore una ogni 2,5 persone, anche se ciò è dovuto anche all’inquinamento in generale e ai prodotti chimici usati in agricoltura. Ma circa il 60% di tutte le malattie sono di derivazione alimentare.



ASPETTO SALUTISTICO



            Gli istituti di ricerca più accreditati del mondo affermano che l’alimentazione carnea favorisce l’insorgere di numerose patologie, comprese quelle degenerative e tumorali e che per contro una dieta vegetariana, ricca di frutta e verdura, contribuisce ad immunizzare l’organismo umano alla maggior parte delle malattie. Eliminando il consumo di carne si ottiene una riduzione del rischio di infarto del 90% e del 97% delle occlusioni coronariche. Le statistiche dimostrano che le popolazioni sono tanto più flagellate da malattie cardiocircolatorie e tumorali (e non solo) quanto più fanno uso di proteine e grassi animali.



I popoli che si nutrono quasi esclusivamente di carne, come gli Esquimesi, hanno vita media di appena 30 anni, oltre il più basso quoziente intellettivo. Per contro le popolazioni a regime vegetariano, come gli Hunzakus, i russi del Caucaso, gli indiani del Toda e dello Yucatan, vivono fino a 130-140 anni e fino a 90 anni sono in grado di procreare. Da considerare che in natura gli animali più miti, più forti, più prolifici e più longevi sono erbivori o vegetariani, come il cavallo, il rinoceronte, il toro, l’elefante ecc. Il gorilla vegetariano è 3 volte più grosso dell’uomo e 30 volte più forte. Gli umani vegetariani risultano essere 2-3 volte più resistenti alle fatiche e 5 volte più rapidi nel recupero delle energie rispetto a coloro che mangiano la carne. Infatti la lunga schiera di primatisti mondiali in ogni disciplina sportiva conferma la superiorità della dieta vegana rispetto a quella onnivora.



ASPETTO ECONOMICO



L’alimento carneo risulta essere il più antieconomico esistente in natura, per il fatto che per produrre un kg di carne sono necessari dai 5 ai 20 kg di alimenti: cereali, frumento, mais e soia. Se tali alimenti fossero consumati direttamente dagli esseri umani si potrebbe sfamare una popolazione mondiale almeno 5 volte superiore all’attuale, mentre il 50% di tutti i cereali prodotti nel mondo servono ad ingrassare gli animali d’allevamento. Per produrre un kg di frumento sono sufficienti 200 litri di acqua, per avere un kg di carne è necessario un quantitativo di acqua 50 volte superiore. Una mucca consuma derrate alimentari quanto 12 persone. Ben 7 persone potrebbero nutrirsi con l’equivalente di quello che mangia un americano carnivoro. Il quantitativo di cereali necessari a produrre un solo hamburger sono sufficienti a sfamare 40 bambini per un giorno.



Un terreno adibito a pascolo dà una tonnellata di carne, ma se adibito a coltivazione di legumi è in grado di produrre 20 tonnellate.  Lo stesso principio vale per la coltivazione della frutta e della verdura. Se tutti gli umani adottassero una dieta carnivora le riserve petrolifere mondiali sarebbero di 10 anni, mentre se tutti gli umani adottassero una dieta vegana la durata sarebbe di 300 anni.



ASPETTO AMBIENTALE



A causa delle deiezioni contaminate da enormi quantità di medicinali somministrati agli animali, i terreni destinati all’allevamento restano improduttivi per moltissimi anni. La principale causa di distruzione delle foreste pluviali è il consumo di carne (un hamburger costa 12 mq di foresta). I paesi maggiormente colpiti dalla desertificazione sono quelli in cui si allevano bovini a scopo alimentare. La quantità di alberi salvati ogni anno da un individuo vegetariano è quella di una superficie di 4.000 mq.

venerdì 28 luglio 2017

ANTICO TESTAMENTO OSCENO, NUOVO TESTAMENTO RACCONTO DI FAVOLE BUONISTE, CORANO RIDICOLO E PAZZESCO

Ripreso da un mio commento lasciato su

Freeanimals - blogger

giovedì 27 luglio 2017


Il ridicolo Corano derivato dall'oscena Bibbia



Testo di Pietro Melis



Già prima del riconoscimento dello Stato d'Israele da partedell'ONU nel 1948, gli ebrei avevano acquistato dagli stessi arabi grandi estensioni di terre. Quando fu riconosciuto lo Stato di Israele sulle terre già di proprietà ebraica, allora iniziò la guerra tra arabi ed ebrei. Israele dovette subire tre guerre scatenate dagli Stati arabi confinanti (principalmente Egitto di Nasser e Giordania). Non si è mai dato che uno Stato vincitore (che per di più ha subito e non provocato la guerra) abbia poi restituito le terre conquistate. E invece Israele ha restituito tutto il Sinai e Gaza. Si pensi che gli arabi ritengono Gerusalemme loro terza città "sacra". Sulla base di un racconto che fa pisciare dal ridere.

Maometto volò da La Mecca a Gerusalemme su un cavallo alato bianco ma mostruoso, con la testa di uomo. E da una piazza di Gerusalemme fu assunto in cielo stando seduto sul cavallo mostro perché Allah gli doveva far conoscere il paradiso in modo che poi lo descrivesse in quel libro per pazzi chiamato Corano. Descrizione ridicola con uomini eroi accolti da vergini con cui copulavano tra fiumi di miele e vino purissimo (che non potevano bere sulla terra). Dell'arrivo in paradiso delle donne però non si parla nonostante le vergini pronte ad accogliere i corpi dei "martiri", circondati da due vergini distese su letti affiancati a quello del "martire" e giacentisi con lui. Si suppone che dopo la morte venga conservato tutto il corpo, compreso l'organo genitale.


Poi Maometto ridiscese sulla piazza e tornò volando a La Mecca. E'chiaro che dopo questa descrizione del paradiso, fornita da un pazzo o da un impostore non vi è da meravigliarsi che dei pazzi si facciano esplodere seminando morte sicuri di andare in paradiso per fottersi subito delle vergini. Mi ricordo una vignetta dove all'ingresso del paradiso stava scritto: basta, le vergini sono finite. Gli antichi ebrei furono spogliati di uno Stato millenario (da Davide sino alla conquista romana). Essi si inventarono la Bibbia (una disgrazia di libro senza il quale non vi sarebbe stato nemmeno il Corano) solo per autoconvincersi che la Palestina era la terra promessa da Jahweh (il sanguinario Jahweh ispiratore di tutte le stragi, anche tra ebrei). L'Antico Testamento è stato scritto tutto unicamente a tal fine, perché l'ebraismo è l'unica religione (disgraziata) che non fa e non vuol fare proselitismo.Non è gradita la conversione ad essa di un non ebreo, che deve sottoporsi a un lungo e severo esame che può durare qualche anno.


Gli ebrei tuttora si ritengono il popolo eletto e per essi vale la norma di non mischiarsi con altri popoli (anche se poi vi sono stati matrimoni misti). Infatti hanno preferito sempre, dopo la diaspora, vivere nelle loro comunità, nei cosiddetti ghetti, che essi stessi volevano per non mischiarsi con il popolo dello Stato dove vivevano. Anche se poi, con il processo di laicizzazione questa regola, ma solo in parte, è stata superata. Con il processo di laicizzazione avvenuto nel XIX secolo gli ebrei hanno dato grandi contributi nella scienza, nella filosofia (atea) e nell'arte (compresa la musica). Che cosa hanno dato e danno gli arabi in fatto di progresso scientifico? NULLA. 




Ricordarsi del grande filosofo ebreo ateo Spinoza (XVII secolo) perseguitato dagli stessi ebrei. Accomuno ebrei praticanti ed islamici nel mio odio verso di essi perché sono dei fanatici a causa della maggiore sofferenza che impongono agli animali con la macellazione kasher, che gli islamici hanno copiato dagli ebrei chiamandola halal. E per questo ho subito un processo ingiusto sino alla Cassazione, perché disonestamente tre sentenze scellerate hanno detto che non si potevano distinguere gli ebrei osservanti della macellazione kasher dagli altri ebrei. Pazzesco. Inoltre, io avevo accomunato in questa condanna ebrei osservanti del kasher ed islamici (che in quanto tali, a differenza degli ebrei, per la maggior parte non credenti, e tanto meno osservanti del kasher, osservano la macellazione halal). Ma in nessuna delle tre sentenze si fa riferimento agli islamici. Condanna confermata in Cassazione, essendomi opposto alla prescrizione, a 4000 euro di multa non pagata perché sotto condono. Condanna basata sulla legge Mancino: per istigazione all'odio razziale e religioso. Mi si è fatto passare ingiustamente per antisemita. Che cosa ci entrasse in questo caso la razza dato il fatto che mi ero limitato a condannare la maggiore sofferenza degli animali a causa della macellazione kasher ebraica e la corrispondente macellazione islamica halal (entrambi escludenti crudelmente la previa rimozione della coscienza, come invece prescritta dalle norme nei mattatoi) questo non è dato capire, anche perché gli islamici non sono una razza. Ma ai giudici degli islamici gliene importava nulla. Guai però a toccare gli ebrei, anche se soltanto quelli praticanti la macellazione kasher, confusi con tutti gli ebrei, anche con quelli atei come me. In Italia abbiamo l'ebreo Moni Ovadia che è vegetariano e non credente nelle bufale dell'Antico Testamento, dove il personaggio più importante, Mosè, è una pura invenzione romanzesca, mai esistito, secondo tutti i maggiori studiosi mondiali dell'Antico Testamento. E se cade Mosè cade anche tutto il Nuovo Testamento. E non vi sarebbe stata la disgrazia del Corano, senza il quale oggi la Terra starebbe in pace. Studi che ho riportato in un mio libro di 800 pagine (Scontro tra culture e metacultura scientifica. Sottotitolo:Nelle sue radici greco-romano-cristiane. Non giudaiche e antislamiche). In copertina il busto di Platone nel museo capitolino. Si legge in basso la famosa frase attribuita ad Aristotele: amicus Plato sed magis amica veritas.In realtà Aristotele disse: «pur essendo care entrambe le cose [cioè gli amici e la verità], è dovere morale preferire la verità» (Etica Nicomachea (I, 4, 1096 a 16).

giovedì 27 luglio 2017

SI E' DOVUTA MUOVERE LA FRANCIA IN LIBIA AVENDO L'ITALIA UNO SGOVERNO DI INCAPACI, BUONISTI E ACCOGLIENTI

Uno sgoverno che mai è stato capace di prendere un'iniziativa per fare uno sbarramento di fronte alle coste della Libia, non avendo mai voluto riconoscere il governo laico di Tobruk invece di quello fantasma di Tripoli, dove l'ectoplasma di capo del governo fantasma A Serraj ha finalmente capito che senza l'uomo forte di Tobruk, il generale Haftar, non è possibile avere un vero governo della Libia per contrastare la continua invasione dall'Africa. Sarebbe bastato che l'Italia si muovesse da sola senza aspettare la Francia, più interessata al petrolio libico che all'invasione africana dell'Italia. Ora si sta affacciando il progetto dell'inetto conte Gentiloni di chiudere i porti alle navi ONG che non rispettino il controllo da parte delle navi militari italiane. Tutto qui? Se questo fosse l'unico risultato è il caso di dire che la montagna ha partorito un topo.   E infatti vi sono ancora degli scellerati che come unica soluzione vorrebbero che gli invasori africani venissero distribuiti in tutta Europa. Le cifre ufficiali per mantenere questi invasori nullafacenti naturalmente sono sottostimate.

Migranti, al Sarraj a Gentiloni:
"Navi italiane in acque libiche"


Migranti, macigno sul welfare
Curarli ci costa 4 miliardi

Costi folli per l'Italia. In un anno 53mila prestazioni sanitarie. Anche per quelle malattie che sembravano sparite

I paesi anglosassoni hanno politiche migratorie serie





E dobbiamo anche pagare gli invasori per tornarsene a casa loro? Pazzesco! Se siamo nella cacca con questa immigrazione di massa selvaggia dobbiamo ringraziare solo il nostro governo! Un paese sano ha politiche immigratorie sane, che non portano danno al tessuto sociale del paese, ergo ai cittadini autoctoni e regolari. Una immigrazione sana si basa solo sull'entrata nel paese per lavoro quando vi sia reale bisogno di questo. Avessimo avuto politici onesti, avremmo avuto le stesse regole e leggi immigratorie del Canada, dell'Australia, degli USA. In questi paesi ci entri solo con regole ferree per lavoro o per studio, con permessi temporanei o con tutor. La possibilità di rimanere nel paese dipende sempre dall'essere occupato con un lavoro o essere un imprenditore che da' lavoro in primis ai nativi del luogo. L'immigrazione in questi paesi avviene attraverso il filtraggio di liste rilasciate dalle loro ambasciate. Una immigrazione così apporta veramente benessere alla società ospitante e ne aiuta la crescita. Quindi Canada, Australia, Usa pensano a far crescere il loro paese, ergo fanno gli interessi dei loro cittadini, della loro nazione. Al contrario, la politica immigratoria italiana fa gli interessi di certi singoli a discapito del benessere della collettività, ergo della nazione italiana.

Paragoni improponibili

Nemmeno nella rossa Toscana li vogliono in casa

Fonte: La Nazione
       

mercoledì 26 luglio 2017

QUANDO DELLA MORTE ALTRUI BISOGNA GIOIRE

L'unica cosa giusta che nella sua lurida vita fece il purtropppo e immeritatamente noto Hemingway, premio Nobel 1954 per la letteratura, cacciatore in Africa e amante della corrida, fu di suicidarsi con lo stesso fucile con cui tolse la vita agli animali che uccideva per soddisfare il suo vigliacco gusto di uccidere. Valga lo stesso pensiero per questa cacciatrice. Bisogna sempre gioire per morti come questa.

Animalisti a cacciatrice suicida
'Hai fatto un favore alla natura'


martedì 25 luglio 2017

SE IL TITANIC AFFONDA L'ITALIA E' SALVA

Facciamolo affondare con tutti i PDOTI e i loro affini. Quelli che non vi sono saliti si libereranno di essi e potranno riprendere una vita normale senza più vessazioni di ogni tipo. Tasse sempre più elevate, invasioni, ius soli, e altre tante disgrazie. 

La patatina, il giullare e i due corvacci a bordo del Titanic



Fonte: Son Giusto




E mo so’ cazzi! Banche svuotate, corruzione dilagante, riforma della Giustizia nascosta in un cassetto da più di un anno e mezzo, sbarchi che ricominceranno a breve, deficit statale alle stelle, la scuola bloccata, vitalizi a go go e loro tranquillamente sul "Transatlantico" in campagna congressuale ed elettorale permanente, mentre il popolo ha fame, gli anziani allo stremo ed i nostri giovani che se ne vanno! Come nel famoso film Titanic, stanno affondando, mentre l' orchestra suona e le scialuppe di salvataggio non basteranno per tutti! Buona visione a tutti gli italiani. Qualsiasi riferimento a fatti e persone è assolutamente casuale

Il piano della Sinistra sulla strada del nuovo ordine mondiale

Testo di Paolo Sensini




Ecco il programma del PD in sette punti: 1) portare il prelievo fiscale e la tassazione a livelli record, che già ora si attestano oltre il 70%; 2) burocratizzare ogni aspetto della vita, anche i più semplici e immediati di ogni giorno; 3) riempire l'Italia all'inverosimile di finti profughi afro-asiatici e islamizzare la penisola con il plauso del Vaticano; 4) depenalizzare una grande quantità di reati rendendo in tal modo sempre più insicura e precaria l'esistenza dei cittadini; 5) imporre leggi coercitive sulla libertà di pensiero e d'espressione (psicoreato) e minacciare con la galera chiunque osi trasgredirvi; 6) ergersi a paladini e tutori di minoranze rumorose a detrimento della maggioranza del Paese; 7) lasciare la cittadinanza al totale arbitrio di una "magistratura democratica" che si conferma ogni giorno incapace, arrogante, priva di senso di responsabilità e incompetente anche su questioni di elementare convivenza civile.

domenica 23 luglio 2017

IL VALORE DELLE GRANDI IMPRESE SPORTIVE

Mia madre mi diceva che ero uno smidollato. E allora decisi di comprarmi una barca e di fare il giro del mondo in solitario. Voi non sapete che emozioni si provano a stare a contatto con la natura. Cielo e mare, mare e cielo.  E allora capisci quanto valgano le grandi imprese sportive.  

I nuovi mostri - navigatore solitario - YouTube

https://www.youtube.com/watch?v=GSNfTBsu3_M
01 dic 2006 - Caricato da tusco84
Alberto Sordi è Giovan Maria Catalan Belmonte in un episodio de "I nuovi mostri"

SED LIBERA NOS A MALO

Una preghiera a San Matteo


Testo di Angela Vacchi


Ti prego Salvini, vedi di vincere elezioni e di mandare a casa tutti gli extracomunitari, ché Ferrara ne è piena e io ho paura di uscire alla sera. Ferrara era una città tranquilla prima che arrivassero loro. Io potevo andare a casa anche all'una, alle 2:00 in bicicletta e non avevo nessuna paura. Ora sì. Salvaci da questi extracomunitari. Ti ringrazio tanto.

sabato 22 luglio 2017

UN COLPO DA ORBAN ALL'INETTO, SCIALBO E CRETINO CONTE GENTILONI

Abbiamo a capo di questo sgoverno un emerito cretino, il conte Gentiloni. Ma i conti non tornano. L'Austria ha chiuso i confini con l'Italia. Il primo ministro ungherese Orban, e con lui la Polonia, la Repubblica ceca e la Slovacchia hanno proposto un'azione coordinata con navi per bloccare l'avanzata dei barconi dalla Libia in Italia. E questo cretino che ha risposto? L'Europa deve farsi solidale nella distribuzione di questi falsi profughi, in realtà rifugiati economici. Si può essere più cretini di così? E' stata proposta una soluzione concreta contro questa invasione dell'Italia  e questo cretino che risponde? Accusa l'Europa di non prendersi anch'essi gli invasori dalla Libia aggiungendo che non accetta improbabili lezioni e che ha il diritto di pretendere solidarietà dagli altri Stati europei. Ma Orban ed altri hanno mandato affanculo il ridicolo conte. Via da questo sgoverno di pazzi. Sino a quando rimarrà uno sgoverno simile con a capo un burattino manovrato dal burattinaio BOMBA non vi sarà mai una concreta soluzione contro l'invasione. Quando la nave sta affondando i topi scappano. I topi sono quei traditori capeggiati dal massimo traditore Alf-ANO. Ormai stanno scappando tutti da lui per cercarsi casa nuovamente in Forza Italia. Guai a Berlusconi se non mantiene la promessa di non accettare  i traditori. Si squalificherebbe per sempre e perderebbe per sempre credibilità, avendone già perso abbastanza dopo essersi circondato di tanti traditori unicamente interessati alla poltrona. Lasci che il traditore Alf-ANO affondi per sempre con la sua barchetta Alleanza popolare (ex NCD), nata da una scissione di Forza Italia senza che si sia prima presentata alle elezioni per sapere quale seguito abbia tra gli elettori. Lasci che i topi scappino dalla barchetta e affoghino in mare. 
La colpa maggiore è di questa Costituzione che dice che l'eletto al parlamento è libero da ogni vincolo di mandato e rappresenta la Nazione. Ma che razza di articolo è questo? Non si sono accorti i costituenti della "cagata pazzesca" (Paolo Villaggio) che ha trasformato gli eletti in rappresentanti della Nazione? Di quale Nazione? Allora gli eletti formanti la maggioranza parlamentare dovrebbero rappresentare anche l'opposizione. Assurdo. Uno dovrebbe sentirsi rappresentato anche da tutti i traditori che hanno cambiato casacca durante la legislatura prima di nuove elezioni? Uno dovrebbe sentirsi rappresentato dal più lurido traditore che è Alf-ANO, che era stato il delfino di Berlusconi? E chi ha votato (non io che ho cessato di votare dal 1994)  per Forza Italia si trova poi ad avere contro un traditore. Sono circa 500 i traditori che durante la XVII legislatura hanno cambiato casacca. Questa storia deve finire cambiando l'articolo della Costituzione. L'eletto non può rappresentare la Nazione ma solo il partito che lo ha eletto. E se non è più d'accordo con le direttive del partito (che deve presentarsi alle elezioni con un programma ben definito nei dettagli, lasciando libertà di voto sui punti non compresi nel programma) deve essere costretto a dimettersi per legge non rappresentando più il partito e perciò gli elettori che l'hanno eletto il cui voto è stato tradito.      
https://i0.wp.com/www.rossonerosemper.com/wp-content/uploads/2014/03/topi_nave_affonda_poltrone.png

L'ASSURDO DEL CUMULO DELLO STIPENDIO LORDO O DELLA PENSIONE LORDA CON ALTRO REDDITO

Si badi che lo stipendio o la pensione sono già tassati alla fonte e dunque non dovrebbero fare cumulo con altro reddito. Mi si dice che così vuole la legge. Ma io mi domando se ciò sia compatibile con l'articolo della Costituzione che si limita a dire che tutti debbono contribuire alla spesa pubblica secondo la propria capacità contributiva. Più di un commercialista mi ha detto che l'articolo della Costituzione comtempla la progressività del reddito e dunque del cumulo. Ma la Costituzione non fa riferimento al cumulo con reddito già tassato alla fonte. Ed io ho portato l'esempio dei BTP i cui ricavati non debbono essere dichiarati perché già tassati alla fonte nella misura del 12,50%. Mi è stato risposto che il caso è diverso perché il ricavato figura come premio che lo Stato offre per avergli prestato soldi. Ma si tratta pur sempre di reddito. Ma l'assurdo maggiore  consiste nel fatto che il cumulo viene calcolato non sullo stipendio netto o sulla pensione netta ma sul lordo. Ma se sul lordo sono già comprese le tasse statali, regionali e comunali, e queste sono già sottratte alla fonte, qualche esperto mi dica perché nel cumulo debba essere considerato il lordo e non il netto. La differenza tra il lordo e il netto non me la metto in tasca e dunque non è reddito. Come debbo spiegare che questo è un assurdo? La mia capacità contributiva è già compresa nella differenza tra il lordo (comprendente le tasse) e il netto che incasso realmente. E dunque la tassazione del lordo in caso di cumulo con altro reddito deve essere considerato anticostituzionale. Al massimo (con forti dubbi) il cumulo dovrebbe essere calcolando il netto e non il lordo. Invece lo stipendio e la pensione vengono tassati tre volte. 1)Alla fonte; 2) Con il cumulo; 3) Con il cumulo calcolato secondo il lordo e non secondo il netto. Queste assurdità favoriscono una  sola cosa: l'evasione o l'elusione fiscale. Poi ci si mette di mezzo una testa di cazzo di Boeri, messo a presiedere l'INPS (di istituzione fascista) da quel deficiente esagitato che è il BOMBA. Si sa che i pensionati che giustamente hanno interesse a trasferirsi all'estero dove minore è il costo della vita e dove minore è la tassazione si vedono retribuire dall'INPS la pensione lorda perché pagano le tasse nello Stato in cui hanno assunto residenza. Ed ora questo burattino del BOMBA vorrebbe tassare in parte la pensione considerando la differenza in meno che pagano in fatto di tassa sulla pensione. Questo presidente è fuori di testa. Come può interferire sulle tasse che già vengono pagate all'estero? Allora dica a Marchionne che deve pagare in Italia la differenza di tasse che paga in meno avendo delocalizzato fuori dell'Italia (e dal suo punto di vista ha fatto bene) la residenza fiscale della Fiat e, suppongo, anche il suo lauto stipendio. Questo Stato italiano vuole farsi forte con i debli e debole con i forti. E' possibile che il mio reddito derivante da pensione più un altro piccolo reddito debba fare salire l'aliquota al 46%? Pazzesco. E poi per che cosa? Per mantenere una classe di parassiti, tra cui politici con vitalizi e negri che vengono qui a farsi mantenere? Si badi che questi negri, quando abbiano maturato un minimo di pensione e ritornino al loro Paese, se pur con una pensione minima, non pagano le tasse in Italia su questa pensione e nel loro Paese anche soli 500 euro permettono loro di vivere decorosamente mentre un italiano che abbia una pensione di sussistenza con 500 euro fa la fame. Bisogna riformare l'INPS incominciando a cacciare all'opposizione quel Partito della Disgrazia che è il PD. E introducendo una tassa piatta (flat tax) ma corretta con due aliquote perché non è giusto che chi abbia uno stipendio lordo o una pensione lorda che può raggiungere persino 90.000 euro al mese  debba pagare  la stessa aliquota (flat tax) di chi ha uno stipendio o una pensione che abbia un decimo di 90.000 euro. Anzi, dovrebbe esistere un tetto massimo per la pensione indipendentemente da quanto guadagnava quando era in età lavorativa. Chi guadagnava molto e non ha provveduto o a farsi una pensione privata o investendo il suo guadagno peggio per lui. Una pensione che abbia dall'INPS come tetto massimo 5000 euro netti non pretenda di più. Chi ha fatto la cicala in età lavorativa non pretenda di fare poi in pensione la formica pretendendo dall'INPS di conservare lo stesso tenore di vita in vecchiaia quando piuttosto dovrebbe incominciae a pensare alla bara.          

venerdì 21 luglio 2017

AVVISO AI DISTURBATORI (COSIDDETTI TROLL)

Ho tolto la  possibilità di lasciare commenti in anonimato da parte di imbecilli ignoranti e provocatori non rinuncianti anche ad insulti. Mi dispiace per quanti (e sono molti) che, miei estimatori, scrivevano per sola semplicità in anonimato. Alcuni di questi, pur utilizzando la forma dell'anonimato, firmavano il loro commento con il vero nome. E infatti con  costoro sono giunto a corrispondere anche telefonicamente avendomi lasciato nel loro commento il loro numero di telefono con la richiesta di non pubblicarlo. Richiesta  che naturalmente  ho rispettato. I vigliacchi che hanno sempre usato l'anonimato per provocazioni e insulti non avranno più spazio nel mio blog. Come pure quelli che usavano spesso i commenti per andare fuori luogo rispetto all'argomento trattato.  

giovedì 20 luglio 2017

MEGLIO HITLER DI CERTI GIUDICI

In base alla legislazione nazista a protezione degli animali questo feroce subanimale si sarebbe preso due anni di carcere (troppo pochi) senza condizionale. Purtroppo non vi è alcunché da fare contro una maledetta concezione antropocentrica che ritiene la vita di un subanimale come quella di questo crudele assassino pur sempre più importante di quella di un cane. La giustizia è malata e non vi sono cure contro di essa. Ma all'origine vi è uno Stato malato che incoraggia certe crudeltà con pene irrisorie che poi i giudici debbono applicare. Ma almeno gli fossero stati inflitti due anni di carcere previsti come pena massima e senza condizionale. NO. Solo quattro mesi e naturalmente con la condizionsale. Che schifo tremendo. Nessuna pietà per questi subanimali. Meriterebbero la stessa fine. E sono occorsi 3 anni per una pena così lieve. Giustizia di merda.
Caro essere innocente abbi la partecipazione di tutto il mio dolore  per te e tutto l'odio per la ferocia di esseri solo biologicamente animali, perché sono dei subanimali. Quanti subanimali come questo tuo assassino farei volentieri fuori se non esistesse la galera a difesa del tuo assassino.   

Sgozza il suo cane perché sotto stress: condannato a 4 mesi di carcere

Nel 2014 un operaio agricolo era rimasto disoccupato e si era sfogato picchiando e sgozzando il suo cane. Si è giustificato così: "Ero sotto stress". Pena lieve?


Questa mattina il Tribunale di Ivrea ha condannato a 4 mesi di reclusione un uomo di 47 anni, Massimiliano Mondino, per avere preso a martellate e sgozzato il suo cane.



, I
"In quel periodo ero stressato": queste le parole con cui il 47enne ha provato a giustificare l'uccisione del povero animale prima di essere condannato dai giudici.

"Mi spiace per quello che ho fatto", ha dichiarato l'uomo in aula di Tribunale. Scuse tardive e inaccettabili dopo che Mondino, in un impeto di rabbia e frustrazione, aveva sfogato la sua rabbia contro l'animale di sua proprietà, un incrocio tra un pastore corso e un San Bernardo. Il fatto risale al maggio 2014 e al momento dell'uccisione il cane aveva soltanto un anno.
L'animale è stato vittima di una ferocia inaudita. Il suo padrone, anziché trovare consolazione nell'affetto del cane, lo aveva aggredito brandendo un coltello. Poi, dopo avergli tagliato la gola, lo aveva finito a martellate. Una fine orrenda che i giudici, a pensarci bene, non hanno punito in maniera adeguata.
In effetti la pena non sembra proporzionata alla gravità e all'efferatezza dell'animalicidio. L'uccisione di animali, in diritto penale, è il reato previsto dall'art. 544-bis del codice penale, ai sensi del quale "chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da 4 mesi a 2 anni".
Significa che la corte ha inflitto all'uomo la pena minima stabilita dalla legge. Troppo poco in funzione della crudeltà di Mondino, il quale può ritenersi soddisfatto della sentenza.
Infatti, viene spontaneo chiedersi a quale punto deve arrivare l'autore di un animalicidio per essere condannato al massimo della pena prevista dal codice penale, cioè due anni. Una pena che in ogni caso, tra modalità alternative per scontarla (arresti domiciliari e affidamento ai servizi sociali) e condizionale, non basterebbe per andare in galera.